Allenamenti di atleti agonisti e non agonisti

Allenamenti di ginnastica artistica

Gli allenamenti di ginnastica artistica agonistica per bambine a partire dai 8 anni di età, iniziano mercoledì 7 aprile 2021 nei consueti orari di allenamento.

Vi ricordiamo che è necessario il certificato medico sportivo agonistico.

 

Gare di preminente interesse nazionale aggiornate al 15 aprile 2021

Di seguito potete scaricare l'elenco aggiornato delle gare approvate dal CONI che consentono agli atleti agonisiti partecipanti di allenarsi a porte chiuse.

Nota giuridica relativa agli allenamenti agonistici al coperto

Per quanto concerne gli allenamenti, in zona rossa sono consentiti gli allenamenti degli atleti agonisti che devono partecipare a competizioni ed eventi di preminente interesse nazionale consentiti ai sensi dell’art. 18 del DPCM del 2 marzo 2021 e non sospesi dall’art. 41, comma 1 del medesimo decreto.

Allenamenti di Parkour da aprile 2021

Gli allenamenti di Parkour riprendono da mercoledì 7 aprile negli stessi orari di iscrizione e si svolgeranno nel cortile esterno privato che verrà attrezzato appositamente con gli stessi moduli utilizzati in palestra.

In caso di pioggia l'allenamento verrà rimandato alla giornata di sabato pomeriggio della stessa settimana, con orario 14:30 - 15:30, 15:30 - 16:30, 16:30 - 17:30 a seconda della lezione persa.

L'allenamento sarà supervisionato dai nostri istruttori e si svolge con le scarpe da ginnastica.

E' obbligatorio venire vestiti in tenuta da allenamento e portare una bottiglia d'acqua perchè l'uso degli spogliatoi è interdetto come da normativa.

Dal sito web del dipartimento per lo sport http://www.sport.governo.it/it/emergenza-covid-19/faq/

L’art. 17 del DPCM del 2 marzo 2021, confermando quanto già previsto dal precedente DPCM, prevede al comma 1 che “è consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, purché nel rispetto della distanza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva…” mentre il comma 2 del medesimo articolo prevede  che “…l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte all’aperto presso i centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento interpersonale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall’Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con la prescrizione che è interdetto l’uso di spogliatoi interni a detti circoli…”.

Dalla lettura del combinato disposto dei due commi, si ritiene che, nelle zone gialle ed arancioni, sia consentito lo svolgimento di attività sportiva di base e attività motoria all’aperto anche presso aree all’aperto di palestre, fermo restando il distanziamento e che resta interdetto l’uso di eventuali spogliatoi disponibili all’interno delle zone non accessibili della struttura.

L’attività motoria e quella sportiva di base restano consentite in centri e circoli sportivi esclusivamente all’aperto, previo rispetto del distanziamento e delle altre precauzioni previste dai protocolli indicati dalla normativa.

Negli scenari di massima gravità (zona rossa), sono sospese anche le attività sportive e motorie svolte nei centri sportivi e circoli all’aperto.

Linee guida per lo svolgimento degli allenamenti agonistici a porte chiuse CSEN

Il DPCM 14 gennaio 2021 ha stabilito che:
A. COMMA 10 LETTERA d) è consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all'aperto,
anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, nel rispetto della distanza di
sicurezza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metro per
ogni altra attività.
B. COMMA 1 LETTERA f) sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri
benessere, centri termali, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e per le attività riabilitative o terapeutiche, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; ferma restando la sospensione delle attività di
piscine e palestre, l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte all’aperto
presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di
distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida
emanate dall'Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con
la prescrizione che è interdetto l’uso di spogliatoi interni a detti circoli;

C. COMMA 10 LETTERA e) sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni ‒ di livello
AGONISTICO e riconosciuti di PREMINENTE INTERESSE NAZIONALE con provvedimento del
(CONI) e del (CIP) ‒ riguardanti gli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive
FSN, DSA, EPS ovvero da organismi sportivi internazionali, all’interno di impianti sportivi
utilizzati a porte chiuse ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico. Le sessioni di
allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di
squadra, partecipanti alle competizioni di cui alla presente lettera e muniti di tessera
agonistica, sono consentite a porte chiuse, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive
FSN, DSA, EPS. CONI e CIP vigilano sul rispetto di tali disposizioni.

 

LINEE GUIDA PALESTRE/CENTRI SPORTIVI/SCUOLE DI DANZA
(tutte le discipline senza contatto che si svolgono in impianti al chiuso)
Le presenti indicazioni si applicano a enti locali e soggetti pubblici e privati titolari
di palestre, comprese le attività fisiche con modalità a corsi (senza contatto fisico
interpersonale).
La determinazione del numero massimo di persone che possono essere presenti in
contemporanea all’interno della struttura deve risultare dalla considerazione di
12mq per persona, considerando per il computo i metri quadrati (al chiuso)
dell’intera struttura. Nel computo delle compresenze va considerato anche il
personale diretto o indiretto che vi presta servizio in quel momento.
All’interno del sito dovrà essere garantito il rispetto delle seguenti prescrizioni
igieniche:
 È obbligatorio rilevare la temperatura a tutti gli ATLETI
AGONISTI/TECNICI/ADDETTI, giornalmente al momento dell’accesso,
impedendo l'accesso in caso di temperatura superiore a 37,5 °C;
 E’ obbligatorio verificare all’ingresso che ATLETI AGONISTI/TECNICI/ADDETTI
siano dotati di mascherina protettiva e, in caso negativo, vietare l’ingresso;
 I minori devono essere accompagnati da non più di un familiare che non entra
nella struttura;
 E’ obbligatorio dotare l'impianto/struttura di dispenser con prodotti
igienizzanti/disinfettanti per l'igiene delle mani degli operatori e dei
frequentatori/clienti/ospiti in punti ben visibili, nelle zone di accesso e transito,
almeno 1 ogni 300 mq ed in ogni caso 1 per ogni sala, prevedendo l'obbligo
dell'igiene delle mani all'ingresso e in uscita.
 Predisporre una adeguata informazione sulle tutte le misure di prevenzione da
adottare.
 Redigere un programma delle attività il più possibile pianificato (es. con
prenotazione) e regolamentare gli accessi in modo da evitare condizioni di
assembramento e aggregazioni; mantenere l'elenco delle presenze per un
periodo di 14 giorni.
 Organizzare gli spazi negli spogliatoi e docce (utilizzabili sono dagli ATLETI
AGONISTI) in modo da assicurare le distanze di almeno 1 metro (ad esempio prevedere postazioni d'uso alternate o separate da apposite barriere), anche
regolamentando l'accesso agli stessi.
 Regolamentare i flussi, gli spazi d’attesa, l'accesso alle diverse aree, il
posizionamento di attrezzi e macchine, anche delimitando le zone, al fine di
garantire la distanza di sicurezza: almeno 1 metro per le persone mentre non
svolgono attività fisica, almeno 2 metri durante l'attività fisica (con
particolare attenzione a quella intensa).
 Non condividere borracce, bicchieri e bottiglie e non scambiare con altri utenti
oggetti quali asciugamani, accappatoi o altro.
 Gli attrezzi e le macchine che non possono essere disinfettati non devono
essere usati.
 è obbligatorio mantenere sempre la distanza interpersonale minima di 1 mt;
 e’ obbligatorio indossare la mascherina in qualsiasi momento all’interno della
struttura, ad eccezione del momento in cui si svolge attività fisica sul posto. A
titolo di esempio, la mascherina va indossata obbligatoriamente anche durante
l’allenamento se l’ATLETA AGONISTA si sposta da una postazione di
allenamento all’altra;
 è obbligatorio indossare sempre la mascherina nelle zone di accesso e transito;
 è obbligatoria la pulizia delle aree di contatto di ciascun attrezzo dopo ogni
utilizzo da parte dell’utente con opportuno prodotto igienizzante;
 durante l’attività fisica è obbligatorio mantenere la distanza interpersonale
minima adeguata all’intensità dell’esercizio, comunque non inferiore a 2 mt;
 non toccarsi mai occhi, naso e bocca con le mani;
 starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le
secrezioni respiratorie; se non si ha a disposizione un fazzoletto, starnutire nella
piega interna del gomito;
 evitare di lasciare in luoghi condivisi con altri gli indumenti indossati per
l’attività fisica, ma riporli in zaini o borse personali e, una volta rientrato a casa,
lavarli separatamente dagli altri indumenti;
 bere sempre da bicchieri monouso o bottiglie personalizzate;
 gettare subito in appositi contenitori i fazzolettini di carta o altri materiali usati
(ben sigillati).